comunicazione corporate e istituzionale | relazioni pubbliche | rapporti con i media

08 Aprile 2019

Verso le elezioni europee, tra crisi della democrazia, nuovi equilibri internazionali e comunicazione.

di Alessia Gasparini

Il populismo è un problema per la democrazia? “Ce lo dobbiamo chiedere” secondo Paolo Gentiloni, ospite insieme a Lucio Caracciolo dell’evento EurHope Talk organizzato da Proposita in collaborazione con The Ruling Companies. Giovedì 4 aprile l’ex Presidente del Consiglio e il direttore di Limes si sono trovati a discutere del futuro dell’Europa, ma anche della politica in generale, di fronte a un pubblico attento e numeroso. A moderare il dibattito la giornalista Sarah Varetto, che ha messo in luce i temi principali: quali sono i rapporti dell’Europa con il mondo, e quali quelli con la democrazia? Ovviamente una delle tematiche centrali è stata l’analisi del diffondersi delle idee populiste e cosa questo significhi a livello di strategia politica e della comunicazione. Gentiloni ha sottolineato che né la sinistra, né la destra liberale europeista hanno visto arrivare questa ondata, che ha trovato il suo spazio all’interno di un vulnus nella percezione della sicurezza. La paura di essere attaccati, di venire invasi è qualcosa che è presente nel 2019, un sentimento non razionale che il populismo ha saputo cavalcare. Ma l’isolamento a cui ci stiamo pericolosamente avvicinando non sarà la risposta ai problemi, ha sottolineato Gentiloni.

Per Caracciolo, invece, è importante valutare cosa succede tra Stati Uniti e Cina ed utilizzarlo come un termometro per valutare la situazione in Europa. Le prossime elezioni europee, continua, saranno più importanti per sondare il territorio all’interno dei singoli Paesi che per l’UE in generale.

Grande partecipazione anche da parte del pubblico, che ha sollevato questioni spinose ma fondamentali come il futuro del governo in Italia e le prospettive economiche del nostro Paese tra Flat tax e la proposta di reintrodurre la patrimoniale. Centrale il tema del rapporto tra informazione e social network: secondo il Presidente Gentiloni, non c’è una diretta relazione tra populismo e internet. L’impegno della comunicazione politica deve essere quello di andare in una direzione virtuosa, seguendo esempi di successo come quello di Angela Merkel o di Barack Obama.

08 Novembre 2019

La caduta del Muro di Berlino: trent’anni dopo, un bilancio

Danilo BreschiProfessore di Storia delle dottrine politicheUniversità degli Studi Internazionali di Roma – UNINT La caduta del Muro di Berlino è un vero punto di svolta della storia europea e mondiale. Fu evento inaspettato, non previsto dalle élites europee, ma ripensato in prospettiva storica possiamo oggi dire che il suo verificarsi derivò da cause di

Leggi tutto >

04 Ottobre 2019

Fare l’avvocato torna ad essere un’ambizione. Presentato il rapporto Censis 2019 sull’avvocatura.

di Tiziana Cignarelli Il rapporto sull’avvocatura del 2018 aveva tracciato due fenomeni tendenziali: femminilizzazione e meridionalizzazione della professione, individuando donne e giovani, soprattutto al Sud, tra gli avvocati in maggiore difficoltà per instabilità del lavoro e redditi al di sotto della media nazionale. Il rapporto CENSIS 2019 presentato ieri, quantomeno dai dati sinteticamente diffusi, ci

Leggi tutto >

05 Giugno 2019

LA LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO ELETTRICO COMPIE 20 ANNI. BILANCIO POSITIVO, ORA PUNTARE A SOSTENIBILITÀ. PER BERSANI, PADRE DELLA RIFORMA, SFIDA È DECARBONIZZAZIONE

Venti anni dopo la liberalizzazione del sistema elettrico grazie alla Legge Bersani il bilancio e’ positivo ma con l’evolversi del tempo e del mercato occorre una qualche revisione, “un tagliando”. E’ l’opinione espressa dagli operatori del sistema elettrico, gli attori del mercato, riuniti in convegno organizzato dal Gse: ‘Il mercato dell’energia elettrica a venti anni

Leggi tutto >